martedì 6 novembre 2012

"Squame D'amore" 34....NO 35°


Leggi tutta la blog-novela clicca su 


La colazione come di consueto era stata servita e preparata da Cribalda
Isauro lavava i piatti
Era la 35sima puntata ed Elvezio seduto al tavolo con fette biscottate e marmellata davanti, ancora non si poteva capacitare di quello che era successo .
La 34sima puntata era stata cancellata o saltata di pari passo .
Nessuna traccia apparente di furto o manomissione del sistema, nessuna colpa imputabile allo scrittore , le prove del suo regolare lavoro erano evidenti non si sa bene dove ma lo erano.L’ipotesi di una  colpa   della rete era stata presto smontata , dentro c’erano solo due o tre paganelli che neanche il gatto voleva  più .
Il caso si faceva scottante , questa era l’unica nota positiva visto il calo improvviso delle temperature .
Cassandra era la colpevole.
Lei, grandissima t…a, in senso figurato e fattivo,  era probabilmente pagata dai signori del petrolio, affini  e anche altro purchè costoso  affinchè  contribuisse all’abbassamento delle temperature sul pianeta .

Chi con il metano , chi con l’elettricità, chi  a manovella tutti lo stavano accendendo la riscaldamenta , riempiendo così le tasche di loro e occupando l’atmosfera con dello stato gassoso aggiunto cosa non tanto gradita ai più e nemmeno a Felix Baumgartner che entrandovi  in modo fulmineo si macchiò tutta la tuta.

 

-          Fuori strada. disse Jamessignore sissignore.

-          Chi è andato fuori strada ? commentò Cribalda . Aveva l’auto del signorino aggiunse?

-          Signorino ?  si meravigliò lo scrittore

-          Fuoristrada  . ridisse James…     siamo fuoristrada  …. Si parlava di altro , della puntata 34 sparita nel nulla

-          Vero è , asserì l’autore, ma chi può dire, nella vita, qual è la strada giusta?  E anche se fosse dove porta?  Alla “Torre di Guardia” ? alla Torre di Azzurina ?  Sono in grado di dirvi se i Maya hanno ragione ,  prima di fine dicembre parlerò   e lì si zittiì.  Ogni cosa è possibile in “Squame d’amore”  ammonì additando i  presenti,  Ricolrdatevelo !!!

Detto questo girò i tacchi ed usci dalla storia causandosi una sonora tendinite.

Suonò il silenzio , tutti commemorarono qualcuno , qualcosa o qualchi.  .  .

Elvezio era come in catalessi ,  non sapeva da dove riprendere, sapeva cosa aveva fatto nella puntata 33 ma non immaginava minimamente come si era comportato nella 34.

Qualsiasi mossa poteva esser deleteira e togliergli la simpatia della gente che ormai lo seguivano passo dopo passo.

Sospirò

In che condizione era ?

Aveva fatto dei passi avanti nella ricerca di Afef ?

Sarebbe riuscito a fare una benedetta trombata prima della fine della blog-novela o lo scrittore lo aveva condannato ad un lavoro di boscaiolo fino alla fine dei suoi giorni ?

 

Il tenente Drebin era stato chiamato a fare luce sul caso alla luce della brillante soluzione del caso “l’uomo che avrebbe voluto chiamarlo cavallo”

 Aveva risolto il mistero  …. quello del recinto dei Cavalli , un difficile caso che  teneva l’intera Ravenna col fiato sospeso.

 

Il colpevole era Terry  ( nome di fantasia per mantenere segreta l’identità del protagonista Terry)  Allungava i tempi necessari alla vendita di una decina di km di recinto per il cavallo che servivano all’esercente della piadina.

Terry (quello della fantasia) si avvaleva costantemente della solita scusa

-          Sto cercando il prezzo migliore sul mercato …..dammi ancora qualche giorno.

Lai glieli dava  ….avrebbe voluto gliela ……   poi chiedeva e lui prendeva tempo.
Nell’ambiente della triplice disciplina, si allenava a pochi passi da lì , la storia era diventata ormai motivo di scherno e di riso …. al dente.

Come mai i tempi erano così lunghi ?

Perché Terry non agiva da venditore  incassando la sua provvigione fra l’altro assai preziosa visti i tempi ?

Come mai  ella insisteva affinchè lui si recasse sul posto per la visione del box  dotato di ogni comfort  (riscaldamento, frigo bar , steccato , letto matrimoniale, sopecchio al soffitto ecc. ecc.)  ?

 

Lei insisteva e lui scuoteva la testa proprio  come fanno i cavalli ?

Che storia  che era !

 

Dopo un attenta valutazione dei fatti e grazie a delle intercettazioni telefoniche la verità venne ahimè congelata grazie allo smartphone di ultima genereazione di Terry che si allacciò alla cella frigorifera del supermercato  economy frequentato proprio dal tenente Drebin.

Niente di più facile per l’astuto uomo della legge che  trovandosi casualmente nella 34° puntata non fece altro che presentarsi a casa Elvezio per procedere all’arresto.

Fu Jamessignore sissignore , dopo aver risposto al telefono , ad andare ad aprire alla porta  proprio verso alla fine della 33° puntata  e fu proprio lui a confessare al tenente che l’uomo cavallo in quella casa non era mai entrato 

-          Cosaaaaa???  Urlò sorpreso il tenente

Iniziò ufficialmente la 34° puntata, tutto quello che successe non è dato a sapersi, il mistero si impossessò di quel salto spazio temporale cancellandone ogni segno che potesse portare chiunque a ricordare qualunque cosa.

Impossibile sapere , impossibile fare ipotesi.

Vasco Rossi uscì con un singolo nuovo e uscì dalla clinica dopo esser stato tagliandato come si fa con una Rolls Roice  ma anche questo fatto era già imputabile alla 35° puntata  quella in cui rimanevano come allibiti tutti i personaggi.

Il Cavedano si disincantò annunciando che lui in fondo se ne fregava altamente e che sarebbe tornato alla sua occupazione preferita.: la caccia alla passera.

Il grande salone era pieno di persone come intontite  ,nessuno azzardava una mossa , nessuno ricordava se  nella puntata 34 avesse fatto un qualcosa di non troppo corretto  tale da poter essere addittato dagli altri col dito medio in alto .  Angelo il drago di Komodo girovagava con un addetto dell’Hera in bocca  (l’aveva fatto entrare Jamessignore non si sa come visto che lui aveva solo telefonato).

C’erano tutti nell’ampio salone compreso  Franco Telarompo  che,  probabilmente, era in  cerca di materia prima  ma non ne  era più certo.

Il tempo passava inesorabile, il governo Italiano parlava di unie le province e i cittadini che da  sempre si professavano non razzisti si arrabbiavano.  I Pisani piuttosto che diventare Livornesi si sarebbero dati fuoco, i Reggiani  guai a diventare Modenesi ,  i Bolzanini preferivano la Germania piuttosto che fondersi con Palermo, la nutella invece  stava bene dappertutto e lì erano tutti d’accordo.

Fuori era tutto molto chiaro mentre all’interno di casa Elvezio eravamo ancora nella situazione  “da quel fico , da quel pero”  e la cosa era, dal canto suo, sempre più misteriosa.

Il circo di Armando Orfei , nipote di seconda della più famosa Miranda Orfei , figliastra di terzo letto della rinomata Moria Orfei era arrivato in città e offrendo come attrazione unica uno spettacolo di Koala , animale che dorme 22 ore al giorno e che passa le altre due a mangiare e cagare.

La cosa non attrasse la gente e il tendone fu venduto all’asta.  La troupe di Armando fu messa direttamente in mobilità da Marchionne e costretta a recarsi a piedi  fino alla città di Pinerolo proprio per rafforzare lo stato di mobilità .

Cribalda continuava ad appoggiare pezzi di colazione sul tavolo , Elvezio tronfio come pochi, per non offenderla,  fingeva di mangiare anche se  in realtà faceva scivolare tutto sotto al tavolo dove Angelo ingurgitava come un coccodrillo facendo attenzione a non mollare l’uomo dell’Hera che non vedeva l’ora di esser lasciato libero per poter esclamare “Hera ora” ..

Nel giardino della stanza 143 il pallone aerostatico gonfiato da Elio (e le storie Tese)  stava prendendo quota  mentre Felix il gatto girava su e giù nervosamente.  

Elvezio pareva attendere, si era alzato  dal tavolo ed aveva cominciato a girovagare per la stanza  con le braccia dietro alla schiena proprio come fanno le persone anziane alla ricerca dei lavori da poter commentare ed osservare.

Tutti lo guardavano seguendolo attentamente con gli occhi .

Terry era colpevole di non aver tenuto alta la figura dello Stallone Italiano soddisfando la rappresentante della piadina romagnola …. un incredibile lavoro  di Studio Aperto era riuscito a registrare qualche immagine all’interno della 34° puntata ed aveva atteso l’edizione delle 18.30  per poter annunciare lo scoop .

Troppo tardi per la giustizia Italiana, il colpevole era già emigrato , fuggito e chiesto asilo politico ad uno stato vicino unito a noi tramite filo.

Cristian lo stambecco Cervese dopo aver abbandonato la gara delle gare aveva saltato ben due dei tre allenamenti programmati con lo scrittore e l’amico  Prof. Oliver   cosa che comportò seri danni alla sua immagine di atleta  per colpa di video  misteriosi immessi furtivamente nella rete da ignoti .

Il brusio si levò nell’aria ,  Elvezio  pareva in procinto di  proferir parola.

Osservava tutti i presenti , tutti i particolari della grande casa.

Si fermò al centro del salone guardando in alto.

 Il tetto si aprì  , l’azzurro del cielo  era padrone dei suoi occhi ….. 39200 metri ….39.300

-          Strega comanda color …….. VERDE!!!!   urlò

-          Cazzo che Stronzo commentò Felix lanciandosi a capofitto nel vuoto 

I  presenti sparirono come per magia ricercando freneticamente  il colore peraltro non reperibile nella 35° puntata in onda volutamente in bianco e nero seppiato coi piselli.

Elvezio preparò  un grande camper ,  chiamò  Terry  

-          A breve ci sarà un grande evento Adriatico   

Loro l’avrebbero seguito , loro avrebbero donato ad Amref Italia Onlus una cifra anche simbolica a favore della campagna “Stand Up for AfricanMothers”

Tutto era pronto,…… l’avventura andava iniziando.

In Tv Tony Pistolazzi faceva la propaganda politica del Movimento 5 pecore quando uno SLAM   seguito  da  “ e l’ultimo chiude la porta”    ufficializzò la prima uscita di casa effettiva di Elvezio dal fantastico mondo di Elvezio.

 

-          Dimmi Andrea Pelo di Giorgio  …… ma nella 34° puntata  non è che ….. eh ? 

 

-          E’ tardi caro sorrise spegnendo il Pc  raggiungendo il proprio letto.


Su due morbidi tappetini Rodolfo e Matilda, due buffi cagnoni inglesi, russavano riempendo l’aria con una simpatica melodia.

Un  buio pieno di colori riempì la stanza.


 

 

 

FINE DELA TRENTACINQUESIMA PUNTATA

 

Fuori tempo massimo l’applicazione Google Latitude segnalò la presenza di Afef al ……. Ma questo è già affare della prossima puntata



  



Personaggi Principali
Elvezio protagonista principale
Cavedano protagonista a suo modo
Elda l'amica di Elvezio che finisce presto
Cribalda cuoca di origine perimetrica
La bidella la bidella
Ginepro il figlo, forse, di Elvezio
Mazzotti Fabrizio il Vip nello Yacht
Ridge attualmente il cassettone della cucina
Dingo un vero esemplare
Bartolomeo Pestalozzi il personaggio misterioso al cinema
jamessignore il maggiordomo preso in prestito
Osvaldo il testimone di Geova
il pacchetto detective il pacchetto detective
X-Folin lo spirito belga di passaggio
Oliver il professore succube di Cribalda
Rinaldo l'oculista del paese
Federico e Marisa speaker ufficiali di "squame d'amore"
Don Lesto parroco di casa Elvezio
BUV Bidella Utility Veichle
Dalai Il lama del parco naturale
hazard quattro frecce di non si sa quale auto
Andrea Pelo Di Giorgio lo scrittore
Banda Asganaway i deejay
fernando Alonso comparsa in bici
Beyonce ospite d'onore
Pippa Middeltone e il suo culo
Laura taiola Laura Taiola
Funghi Funghi Elena
Figalessa commessa negozio ottica Cesena
ignoto cadavere
Beppe Beppetti il conte longevo
Angelo il drago di Komodo
Quinto il giudice aerografato
Camilla la barista
Simpeva Domoidova Dottoressa Ucraina -mangiata da Angelo
Ella Ella
Maradona Maradona
Andrea X-Folin Andrea X-Folin
Oliver Mordenti L'anguillologo
Commissario Basettoni Commisario d polizia
Dean Nuovo Amico podista
Aldovini Legale del Cavedano
Zanella Tour Operator specializzato in Pinerolo
Argumenzio Il correttore appena assunto
Notaio Silvestro Il notaio di casa Elvezio
Alex Bellini Artista esploratore di se stesso
Afef la baby sitter
Mister Igylon il malvivente
Cristian  Lo stambeco Cervese
Drebin  l'ennesimo Tenente
Terry  l'uomo destriero  colpevole 

Nessun commento:

Posta un commento