mercoledì 2 ottobre 2013

Squame d'amore - quarantaduesima puntata - Varano

Clicca su SQUAME D'AMORE per leggere l'intera Blog Novela

Si svegliò di soprassalto.
Uno squillare di trombe improvviso lo estrasse da un bellissimo sogno  di cui era il protagonista assoluto.
Gli occhi gli indicarono come colpevole designato  il grosso tir che sfilava verso il retro.
Elvezio era comodamente stravaccato dentro ad una grossa Station Wagon, abilmente condotta da Isauro che spedita risaliva la costa Adriatica in direzione Emilia Romagna   dopo aver passato un breve periodo a Foce Varano .

Cos’era successo ?  Il cosa aveva fatto da quando era uscito da quel bar non era più un file trattenuto nella sua memoria .
Nessuno però gli diceva niente , Isauro aveva messo su il cartello “vietato parlare al conducente” mentre Cribalda  la cuoca perimetrica, intenta a cucinare nel baule della vettura, non sapeva niente in quanto rilegata  a stare in cucina senza permesso di uscire alcuno.
In auto c’erano borse, le più grosse contenevano  tenute sportive,  scarpe da correre, cuffia occhialini , una silente muta e fuori appesa a due bracci appoggiati sul vetro posteriore c’era anche una fiammante bici da corsa SCOTTante .
La ricottina affogata di  zucchero  e marmellata alla fragola consegnata da
Cribalda  da una sferzata ad Elvezio che, tra un cucchiaino e l’altro , inizia  ad esprimere concetti parole e domande  ad Isauro noncurante del cartello vietante l’azione.
-          Lotterò a spalla a spalla con le mucche , quelle che hanno la scritta Zymil sotto alle orecchie costrette ad una vita  denutrita  e sempre in dieta per dare il latte senza lattosio. Mai uno Yougurt, un
panetto di burro , un bicchiere di latte ……  ; una vita di stenti, ma io sarò li affinchè la loro vita possa migliorare e almeno possano  bere un sano cappuccino  al bar sotto casa almeno una vlta al mese;  andrò anche oltre , mi impegnerò con il popolo mondiale per aprire una catena di negozi  che distribuirà gratuitamente ciò di cui uno avrà bisogno ,  si chiamerà “Manocci” .  – hai bisogno di affetto ?  eccoti un manoccio di baci e abbracci.  – devi andare ad un colloquio di lavoro e non ti senti pronto ?  eccoti un manoccio di autostima.  – hai un incontro con una vaccona in serata e il pisello tira indietro ?  Per te due manocci di Rocco Siffredi   e via andrare …….  La catena “i Manocci” migliorerà il mondo   e lo stato non potrà far altro, per il bene del popolo che lasciarli esentasse .
-          Ho inviato anche un esposto al Premier , non sono sicuro l’abbia Letta, dove mi permetto di consigliare la cura per far uscire lo stato che rappresenta dal baratro della crisi  …… un monarca che decida per tutti e che voglia bene al suo paese che abbia una famiglia sana , un cane , una mucca (senza la scritta Zymil sotto l’orecchia) , che non sia rincoglionito dalla Playstation o affini , sappia cos’è la fatica , l’aprica, mi dica ,  la fica.  Sportivo , allegro, guascone, povero tendente al benestante, amico telefonico  di Francesco con il quale condivide un R4 . Destra sinistra centro senza esser mai passato dal via ed aver incassato i 20 dollari  col rischio di andare in prigione che tanto poi esce grazie al patteggiamento, l’indulto, l’imbuto  e  Franco Coccoluto.  Non importa, non importa cosa,  un bicchier di merda rosa che in bocca tua riposa , in bocca tua marcisce in bocca tua perisce  ma questa è un’altra storia , una filastrocca che mi riporta a quando ero bambino .
Isauro   strabuzzò gli occhi  rendendosi conto che la situazione mentale di Elvezio non era delle migliori , almeno  da quando lui era in servizio segreto,  per conto della Nasa,  a casa Elvezio 
In termini pratici, però, questo non spostava niente in quanto era stato assunto e scritto dall’autore Andrea Pelo di Giorgio  senza possibilità di esprimere un parere che andasse contro alle decisioni del padrone che in fondo padrone non era , titolare che in fondo titolare non era, gestore  che in fondo gestore non era, consigliere che in fondo consigliere non era ……
Elvezio fece presente che la sua pancia incominciava a brontolare, la piccola ricottina ingerita aveva aperto un autostrada.
L’ odore di spaghetti alla carbonara arrivante dal baule  era  talmente irresistibile  che al primo autogrilli disponibile Isauro  entrò parcheggiando in  una zona d’ombra fresca e tranquilla condivisa da un gruppo di camionisti grassi paffuti e barbuti  .
La scelta di mangiare un classico Icaro lasciando la carbonara ai camionisti unti e dotati di bestemmia facile fu in fondo sana e condivisa da ambetre gli occupanti dello station wagon . 
Isauro ordino gentilmente tre caffè  …. “  Vuole il menù ?  sa che con un € in più le aggiungo il dolcetto o la macedonia ? e con appena 2 € le metto anche il termos bevande della coca cola . Cosa dice se con 5 € le do anche il maiale che se lo schiaccia grugnisce ? e con  9? Sa che  le posso dare anche un buono spesa per la lidl dove può acquistare 3 etti di mortadella tagliata grossa …..”  il pugno che la colpì seccamente sul muso  scaturì sedutastante uno scontrino da 3 €  giusti giusti .
L’uscita dell’autogrill era presieduta  dal solito trio che giocava  con le carte  ….trova l’asso trova l’asso ….. e seguita da  una zona di qualche decina di metri dove venivano vendutie tutte le novità tecnologiche appena uscite sul mercato tra cui  il Samsung Galaxy 7  che non fai tempo  neanche a pensare e lui ha già chiamato,postato, twittato  o fatto .
Per non perdere tempo inutile e soldi  Elvezio riunì a capannina i due  spiegando chiaramente il piano per non farsi infinocchiare ed uscire indenni dalla morsa dei tentativi di truffa .
Giusto il tempo di uscire dalle porte  che il  piano si rivelò  Svampato  all’istante . Lo percepì precisamente girando la carta…….non era un asso e i 50 € incautamente appoggiati sul tavolino scivolarono via . 
Altri ne seguirono fino a quando un pinguino Albino apparve al suo fianco facendogli segno di seguirlo .
Incurante dell’orda di venditori che cercavano di fermarlo lo seguì  . Lui era più forte ed era stramaledettamente  attirato da quella strana presenza  che continuava a chiamarlo .
Lo seguì fino alla sua macchina nella quale appoggiò , prima di poter fare la conoscenza , nr 3 videoregistratori compatibili col sistema di ultima generazione palcolor , 3 telefoni cellulari samsung 7 dotati , incredibile, del sistema T9 , un bimbi  con le lasagna già fatte e quasi cotte , un cambio d’olio filtri e pastiglie dei freni , la vita in diretta  compresa Barbara D’Urso e la vita indiretta  che non sarebbe riuscito a vivere in prima persona .
Pino sedette a fianco di Isauro dopo aver teso l’aluccia ad Elvezio  senza dare troppe notizie di se e senza svelare il mistero della sua presenza improvvisa.
Elvezio sbigottito si accomodò sul divano posteriore perdendosi  tra la nuova tecnologia acquisita.
L’auto riprese il viaggio  leggermente appesantita , come se avesse delle pietre dentro .
Cribalda  pulì la cucina sistemando tutto nel vano gomma poi  cominciò a pensare cosa avrebbe preparato per cena . 
Pino viaggiava con un vistoso paio di occhiali scuri visto il sole che picchiava più forte di Tyson negli anni d’oro .  Evander Holifield voleva mettersi un orecchino ma  questa è un'altra storia.
La radio raccontava il dramma di Anrtonio  Sette Camice di Sette Crociari  che giocava a  tresette.  Disattento sulle programmazioni era capitato in una storia di mafia e malavita che lo costrinse a uccidere la moglie, il classico phon  acceso nella vasca,  quando invece lui voleva andare a trovare quella topona di
Pupetta impersonata dalla bella Arcuri che ad Arcore non era mai passata.
Un dramma pesante  dalla breve durata di 7 ore pubblicità esclusa .
Pino chiese gentilmente di poter fare la pipì all’autogrill successivo  dove,  cortesemente,  Isauro  si fermò .
-          Sono arrivato grazie. Esclamò l’albino scappando dall’auto ed entrando di gran carriera al ristorante.
Sbigottiti  i tre della vettura rimasero senza parole  …. Il silenzio si impadronì per qualche minuto della vettura , anche Pupetta e Antonio Sette Crociari con le sue Sette Camice tacquero  mentre sul taccuino di Elvezio la matita segnava in maiuscolo “MAI DARE PASSAGGI A PINGUINI ALBINI”
-          Quello è un essere inaffidabile . esclama Peppo-Pig

passando a fianco alla vettura con lo sportello ancora aperto .
-          È un approfittatore unico, lavora da anni al ristorante di questo autogrill e non è mai venuto con la sua auto  …aggiunse prima di sparire
-          Strano Peppo Pig, pensò Elvezio ,…..ha la voce di Prevignano.
L’auto si rimise in movimento  il Molise passo dagli ampi finestrini e il controllore colse Elvezio in flagranza di reato  mentre parlava al conducente nonostante la targhetta lo vietasse molto chiaramente.
A nulla valsero le  proteste , le richieste di perdono , le scuse, l’invio di pensieri carini a casa, il tentativo di corruzione , le minacce pesanti .
Pino il controllore  gli levò una multa che lo stese e successivamente gliene levò un'altra proprio perché stava steso e non seduto con le cinture ben allacciate come previsto dalle legge in vigore.
-          Mi dia pure 5 punti  sig. Elvezio .
Non accettando ne i punti Conad ne quelli Nectar  Elvezio barattò i 5 punti della patente con quelli della Juventus che si trovò di colpo in lotta per la retrocessione  ma questo sinceramente a Squame d’Amore non interessava in quanto schierata contro il mondo calcio fatto di troppi soldi  e personaggi in pieno stile merda.
Era un viaggio pieno di sorprese , pieno di colpi di scena si ,  …..ma un viaggio verso dove?
-          Dove lo stava portando  il suo servo Isauro ?  Perché non rispondeva mai ?   Come mai Cribalda aveva iniziato di nuovo a spadellare nel baule ?  Cosa aveva fatto n quel delle Puglie ? E soprattutto chi era Fabrizio Cutela 
Un coltello spuntò dentro alla vettura e un cadavere cadde sul tetto  della vettura rimbalzando e finendo seduto  proprio sulla bici rossa SCOTTante  .
Il giudice arbitro fermò la vettura e levò un cartellino giallo perché l’atleta era uscito dalla zona cambio senza casco  ma i Carabinieri di Foce Varano lo tolsero in quando l’incidente probatorio era avvenuto nella frazione natatoria quando la vittima era stata vista fare il morto  proprio all’altezza dello Yacht locale “La Cozza” .
La storia si tingeva di giallo ma in realtà era  noir..
Erano le 23 e le indagini  dovevano essere interrotte a causa dell’inizio di Deenotte che tutti ascoltavano in religioso silenzio e doverosa attenzione .
Un buttafortunabuttafortunabuttafortuna  arrivò dal duo Vitiello mentre Isauro un attimo rapito dal sonno  centrava un piccolo birillo di segnalazione lavori in corso .
L’uscita dall’autostrada in Emilia Romagna e il flash di un autovelox ( foto nella quale anche il cadavere sorride)  concludono la giornata del trio  che decide di pernottare al’hotel delle ginestre  in un ridente paesino chiamato Cervia .
Il morto decise di non scendere dalla bicicletta lasciando la responsabilità di chiudere l’auto ad Elvezio  che, passando davanti  alla vettura fu attirato da una voce leggera proveniente dalla scolla dell’aria condizionata.
Si abbassò  per osservare meglio  
-          Sono la medusa del lago di Varano …… una bacinella d’acqua e........TI RACCONTO TUTTO 


FINE DELLA QUARANTADUESIMA PUNTATA