sabato 4 gennaio 2014

Squame d'Amore ....decidi tu

puoi leggere Squame d'Amore nella sua interezza cliccando qui


- Ti sembrerà tutto nuovo anche se i posti sono sempre gli stessi.
Questa fu la prima rivelazione  che la figlia del povero Scaramacai, pettegola della ridente cittadina, si senti in dovere di fare ad Elvezio
Tutto ciò che aveva vissuto , che sentiva come un fervido ricordo mentale gli era, in realtà stato indotto da un potente farmaco sperimentale  in dotazione al temibile corpo armato e scelto "pantegane del pisignanese"
La realtà raccontava che Elvezio era una normale persona di età imprecisata, strappato alla famiglia ancora in fasce  ed inserito in un progetto top secret con la potenzialità di ribaltare il mondo .
Le cattivissime truppe di Pisignano ...fatti non pugnette .....erano composte  al momento da 3/4 uomini cazzuti provenienti chi  dall'idraulica, chi dalla metalmeccanica, chi da Pinarella.
Avevano come unico obiettivo nella vita il comando supremo del globo e pur di raggiungerlo erano stati disposti a trasformare l'Elvezio (concessione milanese) in una cavia che viveva in un mondo parallelo.
Tutto il passato era inesistente, niente Cavedano, niente Cribalda la cuoca perimetrica, niente Jamessignoresissignore ...ossignore ...., niente casa Elvezio ,  ogni ricordo era solo frutto dell'ingegnoso farmaco studiato e creato dell'ignoto venditore che con il carretto gridava gelati o vendeva libri ........non ricordo .

Prese un treno
"un treno che parte alle 7.40 ma non hai molto tempo perchè il traffico è lento nell'ora di punta"
diceva il buon Lucio ora anima.

La scena di un crimine si presentò proprio davanti alla stazione.
Arrampicato su un albero  il morto non voleva scendere.  
Il caso era stato assegnato ai Ris di Paicenza  visto che al momento dell'omicidio avevano in essere un interessante offerta 3x2 che però poteva poi diventare un problema nel caso non fossero stati trovati gli altri due entro la mezzanotte del giorno seguente  cosa che, in fondo , non toccava Elvezio.

- vieni giù!
- neanche se mi ammazzi!
- ma sei già morto
- cazzo è vero, non vengo lo stesso
- va bene noi andiamo a mangiare una pizza. morirai di fame
- sono già morto , me lo avete detto voi
- azz! beh allora sentirai la sgradevole sensazione dello stomaco che borbotta
- ho preso il buscopan
- cosa conta ?
- non lo so  ma mi sembrava una risposta pertinente
- sei una salma impertinente
- non è una posizione facile per me
- ci credo, morto su un albero. ma ...com'è successo ....perchè ? chi ha potuto effettuare un omicidio così efferato e cruento ?
- sta per caso cercando di carpire delle informazioni ?  sa che non è eticamente corretto ?
- ha ragione stavo scivolando  su una buccia di banana, mi scusi la vità è un boomerang, poi c'è il karma ....lo conosce?
- certo Karma Cameleon dei Cultur Club
- vuole fare l'umorista?
- lavoravo a teatro. giusto per dirglielo
- attore di fama mondiale?
- vicino
- attore non protagonista?
- chiudevo i tendoni de palcoscenico

la campanellina annunciava l'arrivo del treno perseverando da alcuni minuti.
Gli alunni della scuola vicina credendo fosse il segnale della ricreazione si riversarono improvvisamente  in strada.
L'autobus 17 arrivava a velocità sostenuta .
Non li vide ........ qualcuno fu investito, qualcuno  scaraventato verso l'alto.
L' albero risultava ora addobbato, mancava solo l'intermittenza per far si che il Natale fosse perfetto.
3x2 a posto.

Il treno era a carattere regionale, fermava in tutte le stazioni e anche qualcuna in più.
L'obliteratrice cerco di mordere la mano sx di Elvezio che finse sconforte con apporto di panforte che non risolveva , fra l'altro. il problema dei cuscini di grasso depositati in vita

quando passi di lì .
Non era semplice  ma a leggerla bene tutto aveva un senso e nel caso specifico si poteva parlare tranquillamente del tatto anche se la vista non era molto d'accordo .
Non desiderare la donna d'altri , recitava un comandamento.
Katia D'Altri, figlia di Giovanni,  non capiva il perchè ma si adeguava in separata sede.

Elvezio salì in treno con al seguito uno zainetto blu preso già fatto dall'armadio di casa propria ...tale era.
Il primo vagone era abitato da una famiglia di profughi proveniente dal centro di Lampedusa e già proveniente dalla Libia terra natale non la festa.
Non aveva ancora deciso a quale stazione scendere  e neanche il perchè.
Il personale di Treni Italia si era adoperato in tutti i modi per aiutarli e sopratutto per capire qualche informazione utile ma ....niente .
Fu l'intervento di Elvezio ad essere risolutivo ..... un semplice passaggio di forbici per togliere i punti facendoli uscire dalla silente condizione di aderenti al gruppo protestante "bocche cucite"  le
cui intenzioni non venivano comprese da nessuno  anche perchè continuavano a scrivere cose in lingua madre Africana .
Le decisioni della famiglia , per motivi di privacy e sicurezza, non verranno riportate sulle "pagine" della blog novela "Squame d'Amore"  già candidata alla vittoria del premio mondiale Donatello e Donatella nonc'è Donatella è fuggita, evviva la vita evviva la vita per non mettere a rischio la loro incolumità.


La carrozza seguente si presenta completamente vuota :
- buonasera Elvezio , piacere , sono la carrozza vuota.
Elvezio, già scottato dalle rivelazioni dell pettegola cervese, finge di non sentire  accomodandosi un un abbastanza comoda ed onesta poltroncina blu.
Il classico rumore del treno  (tatan tatan tatan tatan )  lo rapisce cullandolo fino alla perdita dei sensi facendolo crollare nei meandri di un sonno profondo.
Al primo risveglio  un rumore di treno nel treno comunicava alla sua persona il passaggio del 1° raduno TrenItalia dell'orgoglio gay.
Una manifestazione molto ordinata, stavano tutti in fila. Una marcia non omogenea, probabilmente per qualche problema a colui che fungeva da "locomotore" autore di brusche fermate non apprezzate, fra l'altro, dai componenti della fila che non mancavano mai di sottolineare il proprio disappunto con degli OOOOHHH  vocali .
Non interessato alla manifestazione riprese col sonno profondo dal quale si destò solo al rumore della porta automatica che si apriva.
Il sig. Mauro Bianchi, già concorrente di gira la ruota, gli chiese una vocale
- Ehh ?
Ricevette in cambio 200 €, per la vocale, e la soluzione
- non credere mica di cavartela così Elvezio!!!
Mauro uscì dal vagone dalla parte opposta a quella da cui era entrato.
Elvezio era un attimo meno calmo di prima:
- sicuramente si tratta solo di una strana coincidenza. cercava di dirsi mentre  le dita nervose cercavano su wikipedia quella frase  sperando fosse attribuita a qualche film o opera pia (pia pio pii  vedi anche pigola poccola pottola mommola rippola ) .
Wikipedia sputò la sentenza :
-non credere mica di cavartela così Elvezio !!! minaccia ricevuta, in occasione del viaggio in treno verso il 2014.
Il sonno uscì di corsa da Elvezio che si trovò tutto di un tratto in una situazione di tensione molto tesa .
Fu mentre Rodolfo tentava per la settima volta di sgattaio.... scanaiolare nella camera dello scrittore che  il protagonista provò ad inoltrare delle chiamate dal suo smartphone

Il Cavedano : il numero da lei composto è inesistente
Cribalda : il numero da lei composto è inesistente
Jamesesignoresissignore: il numero da lei composto è inesistente

- conosci solo numeri inesistenti ?  chiese il riconoscitore vocale del suo telefono?

il telefono vibrò prima forte , poi piano ed infine anche alternato
- pro ...pronto ?   rispose impaurito
- mo dai su , tira fuori quella voce , sono Ambra,  è da un po' che non fai un salto da me .... sono arrivati i nuovi conigli .......vibrano  bzzzzzz  AHAHAHAHAHAH

La linea cadde ma non si ruppe , Elvezio scappò nel vagone successivo dove una signorina scriveva messaggi.
Si fermò ad osservare ma venne gentilmente inviato a non farlo
- vada via ...potrei scrivere anche per una notte intera ...... se ne vada
La coppia che occupava il vagone successivo era composta da un leccaculo (non nel senso specifico della parola) e da una signora che non lo cagava pari.
Era tutto un susseguirsi di alzarsi e sedersi in un altro posto...lei cercava di star distante e lui la raggiungeva dopo poco , gioco questo che costò in biglietti a causa di un controllore molto presbite anche lesbico.
L'entrata improvvisa in galleria ....in quella tratta? ...... lo sorprese in piedi  nello snodo tra i vagoni.
"Vero amico Charlie"  occupò tutta l'aria mentre un trenino festoso passò strisciandolo dappertutto , anche nel pisello.
Qualcuno gli strinse la mano , qualcuno/a lo baciò,  la sensazione di coriandoli e stelle filanti  lo avvolse mentre le trombette strarnazzanti  facevano inquinamento acustico ad honorem.
Uno spettacolo pirotecnico di alta spettacolarità  sancì il passaggio dal 2013  al 2014.
La voce minacciosa si rifece sentire
- questa volta è finita !!!
Col cuore in gola e la sensazione di cacca nel culo (solo sensazione) scappò a gambe levate (che è tutto un dire) verso la testa del treno alla quale arrivò dopo circa 7 km  3 dei quali in salita.
Lo stupore di Elvezio esplose quando all'apertura della porta si trovò  davanti :

decidi tu chi era celato dietro all'ultima porta del treno

scrivi il tuo pensiero a andigio@alice.it avente per oggetto blog novela  (twitta a @andigio_pelo #blognovela) e se sarà ritenuto originale, interessante, allegro, anomalo ...non ti farà vincere niente ma sarà inserito nella quarantacinquesima puntata  di Squame d'Amore , la blog novela

FINE QUARANTAQUATTRESIMA PUNTATA