venerdì 30 maggio 2014

quiete seimila

un bel regalo

non c'era il sole ad illuminarlo creando giochi di riflessi  ma il mare, oggi,  aveva qualcosa di particolarmente magico , ....la quiete.
quasi irreale, senza una bava di vento, senza la benchè minima onda e privo di corrente. 

attratto dalla situazione azzero in un millisecondo  la voglia di andare fino a Ravenna all'allenamento collettivo in piscina,  decido sulla fiducia che la temperatura dell'acqua è gradevole  e che questa giornata è un opportunita per riuscire, finalmente, a fare una seduta lunga. 
valore aggiunto la nuova muta fornita da Zoot per la stagione 2015 appena arrivata  e ritirata. 
stop al bagno 340 Mi.Ma  da Giovanni, ormai ufficialmente il mio quartier generale sportivo, nel quale sono sempre ospitato con una gentilezza estrema. 
caffè ,  due chiacchere, muta  e scendo a riva. 
temperatura ottima (fiducia ripagata) e sopratutto acqua bellissima.
la muta veste come un caldo pigiama donandomi sin da subito la sensazione di comodità sia sulla pelle che nei movimenti delle braccia.

la signora Zoot non gradisce molto il battesimo con la pipì  ma è solo questione di pochi secondi dopo i quali, mentre la gamba destra ride ....il pisello sta girato a sx ........ mi immergo nello splendido paradiso.  
esco dagli scogli , doppio il capanno prendendo la direzione porto di Cervia non preoccupandomi più di tanto di seguire  una traiettoria dritta.
fantastico, mi lascio scivolare,  lungo, liscio, senza forzare  ascoltando l'acqua che mi avvolge e parla alle mie orecchie scoperte .
non c'è anima viva , lo sguardo si perde al largo , totale assenza di confini, sensazione di libertà pura ....all'ennesima potenza. 
solo nella magia, gli occhi che solcano la trasparenza dell'acqua perdendosi in branchi di piccoli pesci (azzurro) che si muovono in velocità con repentini cambi di direzione omogenei come fossero una squadra di nuoto sincronizzato. 
qualche medusa mi sbatte contro, nelle mani , nei piedi  ma ..... non è niente,  in fondo sono a casa loro ....leggo ripetutamente le scritte sugli avambracci della muta  lasciando che la mente prenda tutte le strade che gli vengono incontro.
un buon ritmo , un bel nuotare, un ritorno più allegro  ma senza andare in affanno. 
in piedi sulla riva sorrido mentre lentamente esco dall'acqua, è una trasparenza fantastica,un bel sole ora la illumina. 
sosto un paio di minuti  prima di uscirne definitivamente 




Quiete seimila,  ......che bel regalo 










domani arriva sempre 
andrea pelo di giorgio 

















Nessun commento:

Posta un commento