mercoledì 1 luglio 2015

#Nuotevole ..... Noi

è sempre difficile capire se quello che abbiamo/ho fatto per preparami ad una sfida sulla lunga distanza è sufficiente, ben fatto o al contrario solo un dispendio di energie troppo o poco intenso. 
Rimane sempre un dubbio in testa, un punto interrogativo
  • avrei potuto fare qualche km in più quel giorno ?
  • cavoli sono andato a fare quella corsa a piedi quando potevo fare qualche bracciata?

In tanti anni di lunghe distanze forse non ho ancora imparato se sotto ad un profilo fisico/prestazionale il mio approccio è quello giusto, anzi, non lo è, ne sono convinto. 
Potrei sicuramente far meglio, avere una resa fisica (almeno al momento) maggiore ma, …. non è importante. 

La mente, quella è importante,  lì dentro sono convinto di aver fatto una buona preparazione, insegnandogli  a vivere, con un piacere dal sapore anomalo, le faticose “monotonie” degli allenamenti lunghi in mare.

10…..12 km e qualche metro  è la distanza massima che ho coperto in questa preparazione.

Oltre non lo ritenevo opportuno (forse anche dannoso sotto al profilo di non integrazione). 

Un buon fondo invernale alla piscina di Cesenatico ….rendiamo grazie …… tante uscite su distanza “classiche” , vari allenamenti con Lisa mia compagna di vita/avventura…..compresa una fantastica uscita da 6,5km  in mezzo alla burrasca che ci ha restituito alla terra ubriachi :-) .
Questo è tutto.
Nei miei ultimi 8 giorni  impegnati ho sbracciato per 44 km e mezzo circa, tutti divisi in lunghi tratti da 500 metri …… hai mai vissuto l’eterna lunghezza di un minuto ?

Pronti alla vastità del mare insieme a tutti i compagni di avventura che ci stanno sostenendo magistralmente diretti da Fabrizio Cutela e la sua earthware  creatrice di eventi sostenibili,
all’immensità del “niente” il compito di rapirmi trasportandomi nella libertà più assoluta.
Nessun tempo, ritmo, tabella, gara 

L’occhio correrà veloce a cercare Lisa, monitorando la sua traiettoria (tende al zig zag come il punto della macchina da cucire) , la sua nuotata , la sua stanchezza, spronandola all’occorrenza
Il suo farà lo stesso, sarà il mio grande aiuto 

Saremo noi.
E’ una sfida nata, cresciuta nella nostra complice libertà  

Giocare a “perderci” in mezzo a quel “nulla”  pieno di fascino rispettandone la forza estrema.
la voglia di sentirsi parte integrante della natura sognando di nuotare coi delfini. 

Saranno le nostre bracciate 
#Nuotevole siamo  Noi 

Domani Arriva sempre 

Andrea Pelo di Giorgio 








Nessun commento:

Posta un commento