sabato 5 maggio 2018

Pelò al Giro d'Italia













6° Tappa
169 km
Catania - Etna



Vince Chavez grazie al grande gesto di Yates che si accontenta di indossare la maglia rosa, 3° Pinot oggi grigio.
Aru, Froome e Dumoulin arrivano dopo il Pinot ed accusano 26" di ritardo mentre la ex maglia rosa Dennis non abbiamo il permesso di comunicazione .
Pelò scappa acquisisce un grande vantaggio poi si ferma al torneo di scacchi amatoriale organizzato dalla pro loco dove vince un cabaret di cannoli siciliani.
Risalito in bici chiude la tappa soffiando sul collo di Froome accusando anch'egli i 26" di ritardo.
Nella tappa di domani un cavalcavia è impegnativo.
La direzione editoriale si scusa per la mancanza di informazioni nel corso della tappa ma l'addetto alle notizie in attesa dell'attacco all'Etna non si era resoconto che in realtàstavaguardando il video registrato della 4° tappa .
Son cose che capitano anche nelle migliori redazioni.

Nel giro di pista singolo Palmiro Dettorello ha fermato il cronometro dopo 2' e 95".










5° tappa
Km 152
Agrigento - Santa Ninfa
Si continua con le tappe mosse,  molti su è giù un gran premio della montagna, uno strappo al 12%, uno muscolare, un caffè macchiato fino all'arrivo tendenzialmente in salita , ma forse no.

I Ciclisti in gruppo hanno appena attraversato Sciacca,  i 4 fuggitivi lo hanno attraversato 3'45" prima.
A 87 km dall'arrivo tutto è tranquillo.
Froome conta le righe tratteggiate del fondo stradale, Aru gioca a battaglia navale sullo smartphone, Pelò fa le X sulla maglia degli avversari

L'israeliano Guy Niv, probabilmente lavato male, si ritira.

1° traguardo volante
Vince Verdrame davanti a Zhupa, Mullen, Didier; primo del gruppo Viviani  il tutto mentre arriva in zona arrivala carovana del Giro con Miss Italia in pompa magna.
Confermati 13 sloganti di polsi dx 6 sx.

Inizia la salita verso il GPM ...... l'ammiraglia sta spiegando a Froome cosa vuol dire l'acronimo.
Mullen, Didier , Zhupa, Verdrame nell'ordine al GPM mentre nel gruppo uno cade in salita, probabilmente andava sotto i 6km/h

Cane libero,  atleta della Trek Segafredo rischia di centrarlo nel taglio della rotonda, Didier prova a scappare da solo  ma gli altri lo prendono e gli danno un colpetto (non si fa !!! non si fa !!!)  il distacco si riduce a 1,47"  a 22 km dalla fine quando manca ancora un GPM.
Il prezzo degli asparagi è alle stelle .

Groviglio !!!

Enrico Battaglin si impone nella volata lunga.
Nessun scossone nella classifica ufficiale maglia rosa a parte gli oltre 40 secondi persi da Lopez (capitano Astana) andato a margherite a pochi km dalla fine.
Pelò mantiene l'anonimato e continua nel suo mangiare ciccioli di maiale stivati nelle tasche della maglia.
Andrea Verdrame raggiunto ad un km e mezzo dalla fine.
Non si fa, non si fa, non si fa !!!





4° tappa
Km 191
Catania - Caltagirone
Tappa mossa caratterizzata da molti su è giù e salite non troppo impegnative

Aggiornamento
A 47 km dall'arrivo una fuga di 5 prodi corridori  mantiene ancora 2'20" di vantaggio.
Tutti gli uomini di classifica sono tranquilli in gruppo in attesa degli ultimi strappi.
Pelò, attardato in partenza dalla richiesta di un'abbiente signora che indossava una bici forata e priva di segnalatore acustico, sta rientrando sul gruppo.
Aru ha letto sulla gazzetta dello sport di essere il favorito nella tappa che salirà all'Etna si è già toccato le palle , Froome vorrebbe essere a conoscenza di alcuni risultati prima di decidere se spendere energie supplementari o prendere il regionale veloce e rientrare a casa oltremanica.

La maglia Rosa Dennis sfoggia una bici rosa  appositamente verniciata durante il rientro aereo da un giovane e prestante artigiano Israeliano ora ospite di Lory del Santo.
16,6  km dall'arrivo .... uno ha forato.
Pelò è rientrato nel gruppo ed al momento è impegnato a giocare a Not Not con lo smartphone.
22" il vantaggio dei fuggitivi sul gruppo  dopo oltre 163 km di fuga.
13,6 km dall'arrivo fuggitivi ripresi, per loro si aprono le porte di Regina Celi
10,00 km dall'arrivo  scappano Zardini e Conti  poi Conti abbandona Zardini (che mesto mestolo viene riassorbito dal gruppo)  e scappa da solo seguendo il suggerimento Pelò della settimana delle Palme.
4 km all'arrivo  preso Conti  .......#mandovvai
Pronti per la bagarre finale, Pelò ride nel gruppo forte di aver sorpassato il livello 20 di Not Not
Volata vinta dal belga Tim Wellens  in 5h17.
Invariate le classifiche salvo piccoli movimenti, la generosità di Aru che lascia 6" a Doumulin viene battuta da quella di Froome che ne lascia 11 (ha comunque detto che poi se li riprende con gli interessi).
Chiamati all'antidoping Massimo Giletti e Nino frassica




3°tappa
km 229
Be'Er Sheva-Eilat
Tappa lunga per velocisti, panorama fantastico regalato dall'attraversamento del deserto, temperatura di 32°, fuga riassorbita a 7° km dal traguardo  con successiva volata vinta anche oggi da Viviani nonostante il tentativo di un ciclista austro-ungarico irlandese o giù di lì di stringerlo nelle transenne.
Di forza e astuzia Viviani appoggia la propria spalla nella spalla dell'avversario  gli dice un sereno"che cazzo fai" e scivola in avanti.
In classifica maglia Rosa tutto rimane invariato con Rohan Dennis in maglia rosa per un secondo.
Pelò, stretto nelle transenne al 1°km, decide di pedalare sulla sabbia nel tratto  desertico per rendere la corsa più  impegnativa, al termine perde una 30ina di secondi ma solo perchè attardato un attraversamento di dromedari locali.
Domani pausa e rientro in Italia.
Dopo domani il #giroditalia riparte dalla terra Sicula.













ULTIMORA: i ciclisti minacciano uno sciopero generale qualora Bar Refaeli non venisse in Italia


2° Tappa
km 167
Haifa - Tel Aviv
Una fuga, una figa (Bar Refaeli), un autostrada meno costosa di quella Italiana, pubblico non educato che corre dietro ai ciclisti in strada, ultimi 8 km nervosi.
Vittoria in volata, con una bici di vantaggio, di Elia Viviani che dedica un ditaculo a #tutticontroelia.
Maglia rosa sulle spalle di Roan Dennis con u 1" di vantaggio di Doumulin.
Pelò si ferma al Bar  a 3 km dalla fine per un cappuccino in compagnia e arriva a centro gruppo















1° Tappa
Km 9,7 Crono
Gerusalemme
Froome in croce (+ 37")
Pelò non forza ma è maglia Rosa con Dumulin



Nessun commento:

Posta un commento