domenica 27 gennaio 2019

- 365 ...... Run For Rhino

Io sono già in fibrillazione, da mesi ormai, da quando questo progetto ha preso piede nella mia mente ma soprattutto da quando Davide mi ha detto che si poteva fare.
Chi mi conosce sa benissimo quanta potenza ha su di me il continente Africano #assenzadiconfini e quanto riesce a smuovere al mio interno.
Se abbinato allo sport ed al contatto con la natura poi  quel potere schizza immediatamente alle stelle.

Beh, io sono già là, con la testa , con il cuore mentre una moltitudine di sensazioni si spintonano ipotizzando, comportamenti, emozioni, incontri, fatti e tanto altro regalandomi di per se già una fantastica emozione e un sorriso infinito.

Oggi mancano esattamente 365 giorni alla partenza del primo passo di ..... non l'ho ancora detto, è vero ......di  Run For Rhino  il progetto podistico che mi porterà a correre nella coloratissima Namibia contro la piaga mondiale del Bracconaggio.

Com’è nata l'idea ?
sembra nascere dal caso, ma la verità è che quando c’è il desiderio di fare la nostra attenzione si amplifica, è come se i nostri sensi venissero dotati di particolari radar in grado di captare ogni cosa che si lega con l’impulso che dentro di noi sta sbattucchiando a destra e sinistra cercando una porta per uscire.
La mia si è aperta ascoltando la radio, Radio Deejay, Deejay Chiama Italia nello specifico. 
L'ospite del giorno  era Davide Bomben, fino a quel momento per me ne più ne meno che il classico Mario Rossi..
Il libro che presenta è “Sulla pista degli Elefanti”, il problema che tratta è la lotta ai bracconieri, lui è un ranger una persona che combatte contro coloro che tentano di distruggere madre natura con la spietatezza ancor più “codarda” dei killer professionisti.
Davide combatte con passione, trasmette il suo amore per la natura attraverso l’uso delle parole, è impossibile rimanere indifferenti, almeno questo è quello che succede a me.
Nel mio cervello, sempre in cerca di nuove emozioni da esplorare, un pensiero comincia a crearsi uno spazio 
sempre più grande che esternerò scrivendo, sfruttando l’utilità dei social, a Davide.
C’è un idea, la corsa, la Namibia .....nella “mia Africa” , la natura, una buona azione, il contatto con la natura, la possibilità di impattare nell'opinione pubblica ...... “mettiamo tutto insieme”Davide risponde velocemente , la sua positività scioglie definitivamente le mie briglie e l’idea comincia ad avere una sua forma che andrò in seguito a perfezionare insieme a lui. 
La meraviglia naturale dell’Africa comincia a divenire padrona dei miei pensieri in modo piacevolmente pressante, la mia esigenza sempre più rumorosa di ingrandire il mio contatto con madre natura comincia a trainarmi verso un avventura già in grado di farmi sognare. 
Al momento probabilmente non riesco ancora a capire cosa succederà nel momento in cui un Rinoceronte, un Elefante o un qualsiasi altro grande mammifero mi attraverserà la strada,  so che sarà fantastico, sarà un emozione potentissima, unica che rimarrà sempre ancorata al mio cuore. 

E' arrivato il momento di invertire la rotta,  di riportare la natura al ruolo che merita smettendo di abusarne in tutti i modi possibili solo per squallide convenienze. 
Ci dimentichiamo sempre che è casa nostra, che noi ne siamo parte integrante; non ha nessun senso che le provochiamo danni irreparabili ....sarebbe come se entrassimo in casa nostra e spaccassimo i mobili piuttosto che la tv o altro ..... dov'è il positivo ? 

Beh, io inizio da qui , da questo PROGETTO per la salvaguardia dei Rinoceronti e dei grandi mammiferi africani. 
Ritengo che sia molto importante per la natura, per l'Africa e per tutta la razza umana. 


Per far si che ciò diventi realtà e che questa voce possa essere amplificata a dismisura ho, abbiamo, bisogno anche del tuo prezioso aiuto. 
Sono certo che lo farai e che sarai con me mentre corro insieme ai Rinoceronti 

Conosci Run For Rhino, scarica il progetto 
Clicca qui per il tuo contributo solidale a Run For Rhino


Grazie di cuore 

Andrea Pelo di Giorgio 
Domani Arriva Sempre 


Nessun commento:

Posta un commento